venerdì 25 settembre 2009

La pizzaccia.

Non è un dispregiativo.
E' semplicemente una via di mezzo tra una pizza ed una focaccia.
Ovvero si tratta di una pizza non troppo condita, che ha la consistenza e la morbidezza di una focaccia.
Una goduria.
Dunque?
Vi chiederete se ho pestato una zuccata, ma di quelle forti, che mi ha fatto perdere il lume della della ragione, per parlare di questa meraviglia senza alcuna ragione.
No, nessuna craniata.
Solo che i miei esami vanno benissimo! Quindi l'ipotesi iniziale, formulata da Roby e da me, era quella giusta: una violenta influenza intestinale che non sono riuscita a combattere, in quanto immunodepressa da due mesi di cortisone e che mi ha disintegrata!
E poichè faccio parte dell'esclusivo club di "...quelli che l'alluce valgo...", non poteva colpirmi a Febbraio, quando stare in casa col camino acceso ed un libro tra le mani è una cosa normale, anche se ti devi dibattere tra le frequenti corse nella "sala da bagno"....no.....si deve fare ad Agosto, con un caldo porco, la piscina fuori che non sei in grado di usare, quando è da una anno che la sogni e le vacanze, che notoriamente arrivano d'Estate, rovinate!!
Mannaggia, comunque, come mi diceva il genio, ovvero la stiratrice: " L'importante è la salute!" ed il bello della scenetta fù che, con una discreta prontezza, le risposi: "Avercela!", lasciandola di sale.
Comunque, tornando al discorso di partenza, essendo asintomatica da dodici giorni, posso tornare ad un'alimentazione normale, forte del fatto, che il medico asserisce che sono ai minimi termini e devo reintegrare le scorte, non di ciccia, ovviamente, ma di elementi, quindi iniziare a mangiare un pò di tutto!
Ergo ieri sera ho iniziato cucinando la pizzaccia e mangiandone una fettina.
Oggi, dopo due mesi che neppure mi potevo permettere di sognarla, carne rossa a go-go, ma pur sempre accompagnanata dalle patate bollite.....vurrìa mai.....
Se abitassi in Toscana, terra di una parte dei miei avi, mezzo chilo di Chianina non me lo avrebbe tolto nessuno, ma i miei favolosi 100 grammi mi sono sembrati un regalo!!
Ed intanto le forze lentamente, ritornano.
Prenderò ancora una settimana di tempo, poi, se vado avanti a migliorare così, telefonerò a Mengèle per ricominciare con le nostre sedute.....non spiritiche , ma pur sempre di horror si tratta.
Con questa bella notizia vi abbraccio tutti e corro (!) a sorvegliare il leggerissimo ragù che stà consumandosi lentamente nel coccio, poi solita oretta di lettura e più tardi, se non pioverà, farò qualche foto, che poi naturalmente vi mostrerò, ci sono dei fiori davvero belli................
Bye!

10 commenti:

parolearia ha detto...

Azzo, Oba mi commuovi sempre con la tua voglia di essere sempre spiritosa, presente e combattente!!
Lotta dura senza paura!!!
L'altra dell'alluce valgo !!!

Anonimo ha detto...

Ciao mia affamatissima e bellissima figlia .Dico bellissima perchè con quei kili ce hai perso sta proprio bene.Sono contento che finalmente ricominci a gustare i saporii della tua cucina che sono buoni quasi quanto quelli di tua madre .Brava ,ma stai attenta a non esagerare,baci tuo Babbo

Buba ha detto...

io sto leggendo il terzo della triologia di Stieg Larssen .... per il momento mi si è lussata la spalla a furia di portarlo avanti e indietro, dire se sia bello è ancora presto....

monteamaro ha detto...

Bellissimo cara Syl, sapere che finalmente il musical di Dorelli approda in casa tua! AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA!!! che c'è una bocca in più! (da sfamare).
Per il resto, continua ad affrontare la vita come stai facendo: è una ricetta che non ha controindicazioni nè rigetto, e grazie per la condivisione.
Abbracci.

Donnachenina blog ha detto...

Ciao cara Syl-vietta, mi fermo qui, anche se conto di leggere con calma anche gli altri tuoi post...non ci crederai, ma proprio qualche minuto fa di ritorno dal bar per la solita colazione, stavo pensando di tornare a casa e iniziare a fare un po' il giro dei blogger amici ....e la prima persona che avrei avuto voglia di contattare (non si offenderanno gli altri....è solo che con te fin dall'inizio c'è stata una lunghezza d'onda speciale...)eri tu....arrivo a casa ...apro la posta e trovo la segnalazione del tuo commento !
E allora eccomi qua...dapprima felice di apprendere da quello che scrivi, che ora con la tua salute va meglio e che soprattutto (cosa importantissima!!) i tuoi esami vanno bene...e piano piano, potrai riprendere il tuo stile di vita normale,anche se mi pare che hai dovuto penare non poco..rinunciando a quello che l'estate ti avrebbe potuto dare...pazienza...ti rifarai la prossima volta, l'importante è aver superato i pericoli.
Ti auguro di vero cuore una tranquilla domenica coi tuoi cari affetti e ti mando anche se virtuale un mio abbraccio.
Franca
Ciao ciao

Emi ha detto...

sono contenta che i tuoi esami siano ok:):)
un abbraccio grande e...ti leggo sempre stravolentieri, continua così

Buba ha detto...

ciao cara, goditi questo we e buon appetito ;-) aspetto le foto e ahimè la telenovela Syl/Mengele .... dài, fatemi ridere un po' !!!!!

ALEPH ha detto...

A me piaceva in dieta...adesso ricomincerà a metterci sotto il naso foto di pietanze prelibatissime che mi fanno venire il nervoso dall'invidia. Non ho mai tempo per cucinare come si deve, con tutto il rispetto e il cuocere lento che serve.

la signora in rosso ha detto...

Ho letto il tuo post e con grande piacere apprendo che gli esami stanno tornando alla normalità, evvai giorno dopo giorno integra la tua dieta...e dimmi quando farai le tagliatelle con i funghi...

ZiLia ha detto...

Ma dire Pizzaccia non è un tono dispregiativo..a Milano c'è un ristorante famoso cosi chiamato!! Che bello Silvietta che i tuoi esami vanno bene cosi puoi rifarti con la cazzuola, le castagne, la polenta taragna perchè ogni stagione ti puo' dare dei momenti felici e non solo nella degustazione cibaria... Mi intendi ? Un bacio Zilia