venerdì 17 luglio 2009

Và beh.............

Và beh, non avrei voluto, ma ve ne racconto un'altra.
Si, un'altra della serie: si rompe tutto!!!!!!!!!!!!!!!!
La mia "carriera" di demolitrice di WC, risale a quando avevo circa 13 anni.
Accadde in un bell'albergo a Napoli, dove sedendomi senza roppa delicatezza, mi sono ritrovata per terra, con la tazza spaccata in due sotto di me.......effetto melone appena aperto!
Immaginate l'imbarazzo che provai nel dover in qualche modo giustificare il danno.........poi a quell'età, basta un orlo dei jeans troppo corto per farti sentire inadeguata, figuriamoci rompere una tazza con una sederata........e nemmeno ero cicciona!
Comunque venne in aiuto il prode genitore, che con due pacche sulla spalla e due risate, risarcì il danno e tutto passò via liscio.
Trent'anni dopo.
Una settimana fà, ore 1.20 della notte.
Pipì.
Mi siedo e poco dopo mi sento scivolare giù, verso il bidèt.
Stò collassando, ho pensato, il diuretico di oggi mi ha abbassato troppo la pressione.............Roby, aiuto!
Arriva il prode e ciò che vede non è il mio corpo adagiato sul bidèt, bensì la tazza, con me sopra, che si era strappata dal pavimento, rompendo la piastrella e si era inclinata pericolosamente, stando ancorata al pavimento per un solo margine!
Ehu me miserum!
Non facile recuperare la stazione eretta e levarmi da quel casino, ma una volta estratta dalla pericolosa trappola, abbiamo appurato che la colpa, per questa volta, NON era mia!
Mancava uno dei due fisher di ancoraggio del sanitario al pavimento, quindi, prima o poi, era destinato a cedere!
Certo che l'ora scelta non poteva essere più balorda!
Adesso abbiamo aggiustato pure quello, rifatto il pezzettino di pavimento, cambiato la piastrella e fissato nuovamente il WC.
Attendo la prossima..............e non sganasciatevi dalle risate!
Bye.........

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Rivedo come un film tutta quella scena di tanti anni fa,Ti ricordi ,stavamo andando a Timimun in Algeria e dovevamo partire da Napoli perche non avevamo trovato i posti da Genova,oppure stavamo andando a Tamanraset sempre in Algeria? ah,la mente mi si offusca un po,però so solo che in ambo i casi ci divertimmo come pazzi e darei chi sa cosa (io lo so ) per poterli rivivere quei momenti con voi bambine. Quanta nostalgia ........Baci Babbo Flutter

monteamaro ha detto...

Ciao Syl, da noi caldo terribile, sino alle 11.30 spiaggia col nipotino, poi pranzo freddo, piccola pennichella ed eccomi a leggere delle tue imprese degne di Attila: Ma poveri WC!!
Presi a pesci in faccia da tutti, senza una infanzia da ricordare col rischio di affogare e sempre in apnea, niente copertura sindacale e previdenziale, neanche un pretino o politico a cui ricorrere per una piccola raccomandazione! Acidi e veleni in continuazione, insomma una vita d'inferno!!
Su, su..cara Syl, la tua sensibilità è mitica... tra un po farai nascere la "Lega per la difesa del WC", e ci saranno presto manifestazioni e sfilate con tamburi e fischietti: Avvisa sul web, ci saremo!!

Buba ha detto...

esilerante !!!!! mi sono immaginata la scena..... ogni volta che passo di qui mi sembra di conoscerti da una vita.... molto teneri anche i commenti dei tuo famigliari.... viva internet e le sue enormi possibilità (prima o poi insegnerò anche a mia madre classe '37 ahahahah)

marco ha detto...

Ciao Syl oggi mi sento come mi sia passato sopra un TIR....per di più con rimorrchio...
cosi senza nessun motivo...la mia depressione a volte prende riemerge dal nulla....
ho letto le tue peripezie...sei troppo divertente...
grazie di essere venuta a trovarmi...un abbraccio

aleph ha detto...

Innanzi tutto, visti anche i precedenti degli elettrodomestici, chiamerei l'esorcista...in seconda battuta mangerei meno leccornie! ( questa mangia ogni giorno ogni ben di dio...)

la signora in rosso ha detto...

non c'è due senza tre! e sempre a te! ha ragione Aleph farsi benedire, no?