martedì 15 giugno 2010

Credere (in sè stessi), obbedire (mai!), combattere (sempre, finchè c'è un fil di voce!).

Un pò arruffianata, ma ben mi si adatta, s'incolla bene alla mia pelle.
Tanto per non avere sempre qualche rottura di scatole, come già vi avevo anticipato, l'apriporta automatico dell'ascensore del piano terra, non funzionava.
Risultato: sono qui che scrivo e non da Mengèle, ma resto blindata in casa.
E la cosa mi disturba.
Ieri mattina chiamo il tecnico e la ditta che si occupa della manutenzione e mi dice che per lunedì non sarebbe riuscito a fare l'intervento, ma martedì avrebbero agito.
E fin qui ci stà, mica chiami uno alle 8.30 del mattino e questo vola il giorno stesso da te, se già è impegnato a lavorare altrove.
Stamattina alle 10 la solita laconica telefonata della azienda che si occupa della manutenzione: dobbiamo ordinare il pezzo alla casa madre, non sappiamo dirle i tempi di consegna nè se il tecnico può passare entro breve a dare un'occhiata all'apriporta.
Bene, mi son detta, qui bisogna, come al solito, farsi largo a calci, gomitate e sorrisi virtuali!
Così, con tutta la diplomazia e la cortesia di cui sono dotata, quando serve (e quanto serve!!), ho chiamato la casa madre, esponendo con estrema chiarezza e cruda sincerità il problema, ovvero che per me l'ascensore non è un lusso bensì una necessità ed ho bisogno di averlo funzionante, ma subito, non in data da stabiilrsi e sono riuscita a fare le onde nello stagno.
E che onde................
Oggi alle 14.30 il tecnico era qui, abbiamo provato 1000 volte insieme il marchingegno, che, vacca logia, funziona a meraviglia, ma poichè è comandato da una scheda elettronica, è molto facile che funzioni in modo randomizzato e che la scheda dia i numeri e che quindi tra tre ore si blocchi ancora, come mai più.
Quindi mi ha messo nella condizione di poter usare ugualmente l'ascensore e, siccome il "pezzo" arriva in soli 4 giorni, se il problema si ripresenta, lo chiamo ed in un'ora è da me.
Deduzione: rompere sempre le palle più in alto che si può, alla fonte delle cose, subito, con decisione e senza paura e con tanta gentilezza.
Un sorriso fà alzare le chiappe più di urlo, spesso.
Non sempre ma spesso!
Intanto mi godo questo pomeriggio tranquillo ed un pò pigro, soddisfatta come se avessi vinto chissà quale battaglia, mollemente seduta in poltrona a scrivere e leggere.......pensando a Menghy, ormai così lontano!!
Kissess..................

6 commenti:

viola ha detto...

Certo che sei proprio tosta ! Bellissimi i tuoi fiori
un bacio
viola

donatella ha detto...

Questo atteggiamento ho avuto modo di sperimentarlo anch'io, anche se sulla diplomazia ho lasciato un pochino a desiderare,quindi mi impegno per migliorare questo punto!!!
Saranno anche piccole battaglie ( mica tanto pero') ma quanto ci fa stare bene avere la meglio!!!
Un abbraccione!!!

Sara ha detto...

Sabato a Roma mi sono cattata una maglietta con scritto : mai stata zitta!
Un bacione, Sara

Blueberry ha detto...

Grande, sei stata bravissima, concordo con i tuoi pensieri e le tue azioni! ;-)

Bellissimo quello che hai scritto sul tuo profilo!

Un abbraccio da una tua nuova lettrice

giardigno65 ha detto...

è sempre un'odissea ...

baci

Anonimo ha detto...

2013 hermes bagsReplica Hermes kqmd hermes bagsHermes Belts mdxo