lunedì 28 febbraio 2011

Indignata.

E di conseguenza, post infuriato.
Non è che io abbia qualcosa contro i medici di base per una questione di principio, comunque la massima parte di quelli con i quali ho avuto a che fare sono degli emeriti coglioni.
E scusatemi il termine un pò forte, ma l'insulto e la assimilazione degli uni agli altri, va tutta a discapito dei tanto onorati "gioelli di famiglia".
La giornata è partita un poco "rabbiosa", a causa della telefonata della poverina, un pò stupidotta, che mi telefona ogni tanto, raccontandomi le sue beghe familari, vere o presunte e che sempre mi chiede consiglio. Bene, stavolta l'hanno fregata per benino: le hanno fatto fare da garante (lavora e guadagna 700 euro al mese), affinchè la nipote potesse ottenere il mutuo per comprarsi la casa, non informandola nemmeno lontanamente di ciò che questo comporti.
Ha firmato in buona fede e solo dopo ha capito la cavolata fatta.........era in lacrime.
Alle sue lacrime ho aggiunto una bella "rigirata" con predicone, ma già sò che non le sarà d'aiuto, ormai la frittata è fatta e quando vedo che qualcuno se ne approfitta di una persona che non ha i mezzi e le capacità di difendersi, divento una bestia.
Ma la giornata era ancora ben lungi dal volgere al termine.
Come vi avevo anticipato un paio di post addietro, mercoledì devo fare l'ecocolordoppler alle giugulari.
Onde evitare di dover tornare con le pive nel sacco, mio marito si è fatto scrivere chiaramente presso l'accettazione del centro dove lo farò, la dicitura esatta da apporre
sull'impegnativa, visto che il mio medico(?) curante non è capace di scrivere una ricetta esatta nemmeno per caso. Quindi mia madre e mio padre si sono recati all'ambulatorio per fare la "difficilissima impegnativa".
Mi chiedete perche non mi rechi io in ambulatorio? Semplice: barriere architettoniche, le scale mi impediscono l'ingresso.
Il dottore(ma de che???) inizia confondendo le giugulari con la carotide e finisce compilando un'impegnativa scritta in maniera impropria e soprattutto non conforme alla dicitura richiesta dal centro ove farò l'esame.
Ergo prendo il telefono e senza troppi preamboli gli sparo una telefonata leggermente imbarazzante. Il cretino nemmeno sapeva di cosa stessi parlando, mai sentito parlare di CCSVI, mai saputo del perchè si faccia questo esame nè della patologia che viene ormai correlata alla SM e che possa ignorarlo un profano ci può anche stare, un medico NO!
La sua risposta idiota alle mie ragioni, è stata che il computer gli dava solo quella dicitura e che lui non può scrivere l'impegntiva a mano o come vuole e che, colmo delle scuse beote, ogni provincia fà le sue leggi, ovvero ciò che vale a Milano non vale per Lecco........e già, perchè non è tutto come regione Lombardia.
Coglione.
Quando gli ho fatto presente che con ogni probabilità non mi avrebbero accettato l'impegnativa ed avrei dovuto eseguire l'esame a pagamento, mi ha risposto di provare a chiarire l'inghippo con l'ASL.
Io?
Coglione.
Ma che ci stanno a fare 'sti parassiti ignoranti, da NOI pagati?
Non stò a dirvi l'epilogo della conversazione, ma ve lo lascio immaginare: è stato molto vicino all'insulto e comunque suggellato dalla promessa che sarei andata in fondo alla faccenda, a costo di scrivere ai giornali o agli organi d'informazione.
Hasta la victoria sempre!
In fondo l'anima labronica, incazzosa e pungente albergano nel mio cuore e se rinasco....................
Notte a tutti!

5 commenti:

Sara ha detto...

Cambialo! ci sono eccome medici di base di tutt'altra stoffa!

Adriano Maini ha detto...

Giusto! Hasta la victoria sempre! Facessero tutti metà, che dico, un quarto solo del dovere civico che fai tu, l'Italia sarebbe veramente un altro e bel Paese.

Lunga ha detto...

io per fortuna sto bene (non ho gravi problemi di salute insomma!) e dai dottori ci vado poco ma anche io la penso come te! i medici di famiglia sono spesso svogliati e inutili! io ho cambiato e devo dire che mi trovo meglio con questo. speriamo che duri.

(Evviva l'anima labronica!!!!)

monteamaro ha detto...

Ho la fortuna di avere un medico di famiglia come nei migliori desiderii.
Credo siano veramente rari purtroppo, premurosi, attenti, preoccupati per i loro pazienti e disponibili.
Casomai ti trasferissi giù al Sud, tranquilla che un posto per te lo tira fuori!
Nel frattempo continua ad opporti come sai, ad ogni situazione di incompetenza e superficialità quando la troverai.
Forza Syl, e consolati, ha fallito Mori, figuriamoci Brunetta!

Aruna B.C ha detto...

Ciao Syl, come al solito....la baracca è inefficiente...anche se vogliono passarla come una sanità che funziona!!
Diciamo che a fronte di buoni medici di famiglia come ad esempio la dott. che ho io...superbrava e oltre il coscenzioso supera moltissime volte l'orario di lavoro
per accogliere anche l'ultimo della coda!!!
A fronte di questi bravi ma pochi e in via d'estinzione, ne esistono troppi del modello da te riferito!!
Che dire? Intanto hai fatto bene a dirgli il fatto suo!!!
Ma con tanto di descrizione dei fatti andrebbe segnalato all'ufficio di competenza ....ammesso che questi funzioni!!! L'idea della stampa è ottima!! Però bisogna anche prepararsi ad eventuali sorprese...siamo pur sempre
davanti ad una corporazione difficile da sbugiardare a cui far ammettere le eventuali responsabilità!!

Piove sul bagnato e si continua a scivolare!!
Ti faccio il mio in bocca al lupo per gli esami e per il resto!!